Il tuo gatto perde il pelo? Se il manto rimane folto, non c'è niente di cui preoccuparsi! Se però lo perde a chiazze, bisogna riconoscere il problema per riuscire a risolverlo!

Se il gatto perde il pelo

Se hai un micio, e ancora di più se è a pelo lungo come i maestosi Maine Coon o i Norvegesi delle foreste, lo sai perfettamente: ogni gatto attraversa tutti gli anni i periodi di muta del manto! In queste occasioni la perdita di pelo può essere davvero abbondante: sembra che i peli siano ovunque e i vestiti lasciati incautamente fuori dall'armadio diventano misteriosamente pellicce. Naturalmente, però, questo è del tutto normale: ogni micio cambia il pelo in autunno e in primavera e, soprattutto nel secondo caso, questo fenomeno è molto vistoso. La muta del gatto gli permette di adattarsi alla stagione in corso, un po' come per noi il cambio dell'armadio, e tutto ciò che possiamo fare per aiutarlo a ingurgitare meno peli quando si lecca (oltre che per salvare mobili e vestiti dall'invasione di peli) è spazzolarlo frequentemente.
Se però il tuo gatto perde il pelo in periodi che non sono quelli della muta e magari lo perde a chiazze, in zone specifiche del corpo che arrivano ad essere completamente glabre, c'è un problema che non deve essere trascurato!
Ci sono alcuni campanelli d'allarme a cui fare attenzione: il pelo è opaco e resta incollato alle dita quando lo accarezzi? Il gatto tende a leccarsi di più in certe zone oppure si gratta con insistenza creando zone in cui il pelo è più diradato? In questi casi qualcosa non va: si parla di alopecia felina. Le cause sono molteplici e la cosa migliore è chiamare il proprio veterinario. Quel che è certo, però, è che questa perdita di pelo non è altro che un sintomo: cerchiamo quindi di elencarne le possibili origini, così da poter risolvere il problema!

Le cause principali della perdita di pelo nel gatto

Il tuo gatto perde il pelo a chiazze? Questo è il sintomo tipico dell'alopecia felina e le cause possono essere tante: sia superficiali (cioè imputabili direttamente alla pelle e al sistema tegumentario), sia secondarie, cioè conseguenza di altre malattie interne.
L’alopecia non implica necessariamente che il gatto si lecchi: il pelo può anche essere perso a chiazze senza che il micio mostri atteggiamenti particolari a riguardo, ed è il fenomeno tipico delle malattie metaboliche. In questi casi non c’è manca anche un altro dei sintomi frequenti dell’alopecia, che è il prurito. Se stiamo parlando di sintomi, però, è chiaro che per trovare una cura si debba individuare la causa della perdita di pelo.
Ecco le principali cause dell'alopecia nel gatto:

  • Malattia follicolare primaria: è l’alopecia causata da problemi al follicolo pilifero, determinati da agenti infettivi che sono entrati al suo interno danneggiando il pelo e facendolo cadere. La tigna del gatto rientra in questo gruppo, perché il fungo danneggia il pelo e lo fa cadere;
  • Malattia endocrina: è causata degli organi interni, con il pelo c’entra poco ma causa degli squilibri metabolici che impediscono la formazione di nuovi peli quando quelli vecchi cadono. Si creano così le chiazze senza pelo, ma il gatto non si lecca, non ha prurito e non ha problemi a farsi accarezzare in quelle zone;
  • Autotraumatismo: si ha quando l’agente infettivo di per sé non danneggia il pelo, ma causa un prurito così intenso che il gatto si lecca compulsivamente, e causa così la perdita del pelo.Anche l’allergia, che causa prurito, funziona in questo modo, così come l’alopecia psicogena del gatto: è il gatto che, leccandosi, provoca la perdita del pelo.

Cause specifiche della perdita di pelo nel gatto

Abbiamo visto le cause principali della perdita di pelo nel gatto, ma, purtroppo, riconoscere l'origine del problema non è così semplice. Infatti, le categorie elencate sopra si dividono a loro volta in altre situazioni specifiche. Cerchiamo quindi di riassumerle rapidamente, per individuare e curare i motivi dell'alopecia del gatto:

  • Batteri: i batteri che vivono sulla cute si sono iniziati a riprodurre in modo incontrollato, diffondendosi ed entrando anche all’interno dei follicoli piliferi. Si cura con gli antibiotici;
  • Funghi: si tratta di micosi ed è causata dalla tigna o da altri funghi che si attaccano alla pelle del gatto. Molto difficile da mandare via;
  • Allergia: la perdita di pelo del tuo gatto potrebbe dipendere da un'allergia a qualche cibo o ad agenti esterni. Individuando l'allergene ed eliminandolo, tutto tornerà normale;
  • Rogna: il prurito causato da questa malattia, porta il gatto a grattarsi fino a perdere il pelo. Il tuo veterinario saprà però consigliarti il farmaco giusto per curarla rapidamente;
  • Ipertiroidismo: questa malattia metabolica provoca una crescita esagerata del pelo, che porta il gatto a leccarsi compulsivamente fino a provocare l'alopecia. Non è da sottovalutare e la perdita di pelo è solo uno dei sintomi minori di questo disturbo. Corri subito dal veterinario!
  • Sindrome di Cushing: se il tuo gatto si comporta come se fosse stressato senza che sia accaduto niente che lo giustifichi, potrebbe trattarsi di questo disturbo. Anche in questo caso, meglio andare immediatamente dal veterinario.

Se il gatto è sano ma perde il pelo

Cosa fare se hai escluso, con l'aiuto di uno specialista, tutte queste possibili cause e il tuo gatto continua a perdere il pelo a chiazze? Sembrerà strano, ma la risposta è: non preoccuparti e coccolalo! La perdita di pelo del gatto infatti può essere provocata anche da semplici periodi di stress. In questi casi, si tratta di un fenomeno transitorio e non pericoloso: cerca di individuare, se possibile, la causa del nervosismo del micio per affrontare la cosa. Se l'origine rimane incomprensibile, coccolalo più del solito fino a che non torna sereno!