Con la primavera le passeggiate si allungano, i parchi si riempiono di nuovi odori, ma torna anche un acerrimo nemico del tuo cane: la zecca. Ecco come riconoscerla ed eliminarla!

Con la primavera tornano le zecche

L'arrivo della bella stagione porta con sé tante cose che il tuo cane aspettava con ansia: le giornate si allungano e con loro le passeggiate, i parchi si riempiono di fiori e odori interessanti e correre nei prati è ancora più divertente. Torna però anche qualcosa di cui né tu né il tuo cane sentivate la mancanza: la zecca!
Questi parassiti si appostano su piante e rametti per poi lasciarsi cadere sul tuo cane e aggrapparsi al suo manto peloso con un morso. Grazie al rostro - la bocca della zecca - riescono a penetrare nella pelle e iniziano a succhiare il sangue. Il tuo cucciolo sul momento non si accorge di niente, perché il morso di questo parassita non è doloroso, ma ne subisce in seguito gli effetti: dal doloroso prurito fino al rischio di essere contagiato da malattie che la zecca trasporta su ogni sua preda.
Dopo ogni passeggiata o quando gli fai un bagno, quindi, meglio controllare bene il tuo cane: le zone del corpo che le zecche preferiscono sono l'inguine, le ascelle, la testa e il torace. Se il tuo cane è stato infestato da questi parassiti, ecco come riconoscerli ed eliminarli!

Come riconoscere le zecche dei cani

Pronto a ispezionare il tuo cane per riconoscere eventuali zecche?
Come abbiamo accennato, le zecche, soprattutto quelle adulte preferiscono le zone del corpo in cui una cute particolarmente sottile consente loro di cibarsi più agevolmente e dove, inoltre, al cane risulta più difficile grattarsi. Quindi, ora che sai dove cercare, vediamo come è fatto ciò che stai cercando!
Le zecche possono essere grandi da circa un millimetro fino anche a un centimetro, a seconda della specie, dello stadio di sviluppo o di quanto sangue hanno “mangiato". L'unica divisione visibile tra testa e corpo è quella tra la "bocca", che si infila saldamente sotto la pelle del cane, e l'"addome", ai lati del quale trovano posto 4 paia di zampette. Ecco quindi un identikit del loro aspetto caratteristico: corpo ovoidale e appiattito, otto zampe, colorazione grigiastra (zecca femmina) o marrone-rossastra (zecca maschio).
Sicuramente le zecche non sono animali particolarmente carini, quindi perché ci soffermiamo tanto sulla loro descrizione fisica? Se il tuo cane è stato punto da una zecca, o ne è addirittura infestato, dovrai poter riconoscere subito il parassita e sapere come è fatto ti aiuterà a eliminarlo senza errori!

Le zecche dei cani: i sintomi

Ispezione a parte, puoi capire se il tuo cane ha una zecca dai sintomi che mostra. Il parassita, infatti, non si limita a succhiare sangue, ma trasmette all'animale ospite le tossine della sua saliva, che, con la loro azione anticoagulante e analgesica, indeboliscono progressivamente il sistema immunitario del tuo cane, causando una serie di sintomi che coinvolgono soprattutto il tessuto cutaneo e l'apparato digerente.
Nella zona direttamente interessata dal morso della zecca potrai notare la presenza di un piccolo eritema e un visibile arrossamento: questa manifestazione causerà al tuo cane un prurito intenso e costante. Se quindi vedi il tuo cucciolo grattarsi con insistenza, soprattutto dietro le orecchie o sul collo, la causa è molto probabilmente una zecca e ti conviene procedere subito con un'accurata ispezione.
Ora che l'hai individuata, sei pronto a togliere la zecca!

cane si gratta

Come togliere una zecca al cane

Dopo aver palpato bene il corpo del tuo amico peloso per individuare il parassita, sei pronto per togliere una zecca al tuo cane!
Una volta individuata l'esatta localizzazione del parassita, procurati una pinzetta con le punte sottili e afferra la zecca dalla bocca - quindi dalla parte più vicina al corpo del tuo cane - e tirala con dolcezza verso l'alto compiendo contemporaneamente una piccola rotazione: questo movimento eviterà che il suo corpo si rompa lasciando il rostro conficcato nella pelle e provocando un peggioramento dell'infiammazione. Puoi aiutarti con una goccia di antiparassitario, se l'operazione risulta più difficoltosa del previsto. Durante tutta la procedura, proteggiti le mani con un paio di guanti per evitare il contatto diretto con il parassita.
Dopo aver rimosso la zecca, controlla attentamente la zona per accertarti che non siano rimasti residui. Se noti, con la vista o con il tatto, la presenza di un puntino nero, potrebbe essere il rostro rimasto attaccato alla cute: in questo caso, dovrai assolutamente eliminarlo utilizzando di un ago sterile e aiutandoti ancora con le pinzette se necessario. Quest'ultima attenzione è davvero fondamentale: se solo una piccola parte della zecca rimane sotto pelle, infatti, può provocare pericolose infezioni. Dopo aver tolto la zecca, ricordati di disinfettare bene la cute del tuo cane e il gioco è fatto: hai eliminato il parassita!
Se il tuo cane ha molte zecche è però meglio non agire da solo: portalo subito dal veterinario che saprà aiutarvi con prodotti specifici.