Per te sarà sempre un cucciolo, ma l'età si fa sentire e la sua alimentazione deve essere adeguata

L'alimentazione del cane anziano

Eterni cuccioloni, anche i cani invecchiano e noi che li amiamo e invecchiamo con loro non possiamo far altro che prenderci cura di tutti i bisogni comparsi con l'età.
Quando convivi con un cane anziano è importante dedicare una particolare attenzione all'alimentazione: molti cani di una certa età, infatti, sono in sovrappeso semplicemente perché mangiano esattamente quello che mangiavano prima, ma il loro metabolismo non è più lo stesso. I padroni spesso stanno molto attenti all'alimentazione del cucciolo, ma credono di non dover intervenire su quella del cane anziano, che invece ha bisogno almeno di altrettanta cura.
Come comportarsi? Ti basterà eseguire controlli più frequenti dal veterinario, stare attento ai segnali che il tuo cane ti lancia e organizzare al meglio la sua dieta. I cambiamenti del tuo fedele amico peloso parlano chiaro: il tuo cane non mangia o mangia poco? è molto dimagrito o ingrassato? il suo alito è diventato cattivo? sembra avere mal di stomaco? Allora devi intervenire sull'alimentazione del tuo cane anziano.

Quando è anziano un cane?

Si fa presto a dire cane anziano, ma quando si può considerare Fido decisiamente vecchiotto?
Un cane si può considerare "senior" a età diverse a seconda della sua taglia:

  • I cani di piccola taglia sono anziani a 10-11 anni;
  • I cani di taglia media sono anziani a 10 anni;
  • I cani di taglia grande sono anziani a 8 anni;
  • I cani di taglia gigante sono anziani a 7 anni.

L'alimentazione del cane anziano: i rischi

Se è così importante fare attenzione all'alimentazione del cane anzianoè perché il suo corpo cambia e aumentano i rischi connessi a ciò che mangia. Proviamo a elencare i principali effetti dell'avanzamento d'età del cane che si collegano al suo rapporto con il cibo:

  • Nel cane anziano il tasso metabolico si riduce, quindi non puoi aspettarti che digerisca tutto come prima.
  • Possono diventare frequenti infiammazioni gengivali e infiammazioni boccali che impediscono una corretta masticazione del cibo. Lo stesso vale per gli accumuli di tartor legati a problemi odontoiatrici.
  • L'artrite e i dolori articolari possono impedire al cane di alimentarsi e spingerlo quindi a dimagrire.
  • I cani anziani hanno più difficoltà ad assimilare il cibo, quindi hanno bisogno di alimenti altamente digeribili per non avere problemi intestinali.
  • La perdita di tessuti magri causata dall'invecchiamento provoca una riduzione delle preziose riserve proteiche, quindi dovrai assicurargli una dieta con il giusto di proteine.
  • L'insufficienza renale è molto comune tra i cani anziani. In questo caso, sarà necessario seguire una dieta specifica, povera di fosforo, su consiglio del veterinario.

L'alimentazione del cane anziano: la dieta corretta

L'alimentazione casalinga per un cane anziano varia, naturalmente, a seconda delle patologie specifiche di cui soffre il tuo amico peloso o comunque delle sue caratteristiche peculiari. Per questo, la prima mossa imprescindibile è il consulto con un veterinario che ti possa spiegare di cosa ha bisogno il tuo amico e darti tutti i giusti consigli.
Ci sono comunque delle buone norme da seguire quando prepari i pasti al tuo cucciolone di età avanzata dovresti tenere a mente:

  • Le proteine devono essere ridotte rispetto a quando era cucciolo ma, come accennato, devono essere abbastanza da evitare un'eccessiva perdita di massa muscolare. Per questo, è bene somministrarle in quantità minore, ma con più alto valore biologico.
  • I carboidrati non devono essere eliminati del tutto ma comunque ridotti, perché con l'età aumenta la resistenza all'insulina e si riduce la tolleranza al glucosio, con maggior rischio di sviluppare diabete mellito.
  • I lipidi, cioè i grassi, devono essere ancora una volta non eliminati ma ridotti, per evitare il rischio di obesità e le malattie ad esso collegate.