Educare un gatto è spesso considerata un'impresa impossibile: se li amiamo così tanto è anche per la loro natura indipendente e indomabile.
Chiunque abbia un micio in casa, però, si accorge subito della necessità di insegnargli a non combinare disastri. Il più temuto di questi disastri è spesso trovare bisognini sparsi in giro per la casa. Fortunatamente, abituare il gatto ad usare la lettiera non è difficile, se si sa come fare.
Se hai appena adottato un gatto o il tuo micio ha iniziato a fare i bisogni fuori, ecco tutte le mosse per insegnare al tuo gatto ad usare la lettiera.

Insegnare al gatto a fare i bisogni nella lettiera

Padroni e amanti dei mici: non temete, l'istinto è dalla vostra parte! Se il gattino vive con la madre, sarà lei a mostrargli fin da subito dove fare i bisogni, ma anche in caso contrario non sarà difficile far capire al micio che deve usare la lettiera: l'istinto lo porterà a cercare un posto in cui poter seppellire gli escrementi, quindi si accorgerà presto che la sabbietta è l'ideale per nascondere i bisognini.
I gatti, a differenza dei cani, imparano molto presto l'utilizzo della cassetta igienica, già dalle prime 3 o 4 settimane di vita. Per questo è fondamentale che che gli venga mostrata subito, non appena il micio arriva a casa. Da parte vtua sarà importante saperlo accompagnare alla lettiera: fagliela vedere, fagliela esplorare con i suoi tempi e, se lo vedi scavare in altri posti della casa, portacelo senza sgridarlo. In poco tempo, il micio capirà a cosa serve la lettiera e, da bravo abitudinario quale è, non farà più i suoi bisogni in giro.
Se il tuo gatto tarda ad imparare e continua a sporcare fuori non arrabbiarti: sarebbe inutile. Potrebbe essere perché ha identificato come suo bagno personale un altro posto della casa. Per questo, basterà eliminare gli odori dei suoi bisogni, dato che il micio tende a tornare dove ha sporcato la prima volta, e continuare a mostrargli la cassetta.

gatto lettiera

Scegliere la lettiera giusta

Le cassette igieniche non sono tutte uguali, specialmente per un raffinato intenditore come un gatto! Per essere sicuri che il proprio micio non faccia bisogni in giro, bisognerà scegliere la lettiera giusta. Vediamo quali sono le caratteristiche a cui fare attenzione:

  • - Dimensioni: un gatto ha bisogno di spazio per rigirarsi, scegliere la posizione più comoda e scavare quanto vuole. Anche se hai un gattino, quindi, scegli una lettiera spaziosa, che gli consenta di muoversi a suo piacimento, e abbastanza profonda da contenere almeno qualche centimetro di sabbietta. Meglio optare fin da subito per una cassetta grande: se decidi di cambiarla quando il micio è cresciuto, potrebbe metterci un po' ad abituarsi alla novità.
  • - Accessibilità: se la lettiera è troppo alta, cuccioli e gatti anziani potrebbero avere problemi a entrarci. Controlla quindi che l'ingresso sia agevole e, se risulta troppo alto, utilizza un piccolo rialzo per creare una sorta di scalino e aiutare il tuo micio ad entrare nella cassetta igienica. Te ne sarà grato.
  • - Tipologia: lettiera chiusa o aperta? Le lettiere coperte fanno generalmente felici i padroni: impediscono infatti alla sabbietta di finire sparsa per tutta la casa e sono quindi utilissime se il tup gatto ama scavare a lungo. Alcuni mici adorano la privacy delle lettiere chiuse, altri invece si sentono in trappola e si agitano. Questione di gusti, insomma, ma se abitui il tuo gatto fin da subito a questo tipo di cassetta igienica non dovresti avere problemi.
  • - Tipologia: sportellino o no? Per eliminare, o almeno contenere, i cattivi odori, una lettiera chiusa con lo sportellino basculante è senza dubbio la soluzione migliore. Anche in questo caso, però, non è detto che il tuo gatto ne sia entusiasta. Se il micio ha problemi con lo sportellino puoi pensare di toglierlo mentre lo abitui alla lettiera e reinserirlo quando ha preso confidenza, magari mostrandogli il funzionamento e aiutandolo a entrare.

Con la lettiera giusta, non sarà difficile avere un gatto soddisfatto e una casa libera da bisognini indesiderati!

Dove mettere la lettiera

Con un micio non bisogna mai dare niente per scontato! Se vuoi abituare il gatto alla lettiera ed evitare di trovare "sorpresine puzzolenti" in giro per la casa, la scelta della posizione della cassetta igienicaè fondamentale. Proprio come per gli umani, infatti, i gatti amano la privacy quando devono fare i bisogni e, se la lettiera si trova in un posto particolarmente movimentato della casa, spesso scelgono di far pipì altrove. Ecco cosa tenere a mente quando scegli dove posizionarla:

  • - Pace e serenità: scegli un posto tranquillo della casa, libero dal passaggio di estranei e da rumori forti.
  • - Ogni cosa al suo posto: non posizionare la lettiera vicina alle ciotole del cibo o non riuscirai mai a convincere il tuo micio a usarla. L'istinto porta il gatto ad escludere la possibilità di mangiare e fare i bisogni nello stesso posto e, del resto, come dargli torto?
  • - Ancora pace e serenità: la lavatrice, l'asciugatrice e la caldaia possono spaventare il gatto con rumori improvvisi, quindi non è detto che lo stanzino sia il luogo adatto per posizionare la lettiera.
  • - A portata di zampa: non è il caso di mettere la lettiera in un posto della casa che il gatto generalmente evita, ammesso che tale posto esista, dato che i mici tendono a colonizzare ogni angolo.

La scelta della posizione della lettiera è molto importante anche perché non è semplice spostarla: i gatti sono abitudinari, se identificano un luogo come loro gabinetto non sarà facile indirizzarli verso un altro. Se sei costretto a cambiare la posizione della lettiera, meglio procedere step by step: avvicinala progressivamente alla destinazione desiderata, in modo da non disorientare il micio.

Curare e mantenere pulita la lettiera

Ovviamente, la lettiera deve essere pulita regolarmente: almeno una volta al giorno. Non è solo una questione di igiene casalingo: serve a evitare che il micio sporchi fuori dalla lettiera! Infatti, i gatti sono raffinati e non useranno una cassetta igienica sporca. Conviene quindi lavarla interamente almeno una volta alla settimana e fare attenzione a cosa si utilizza per la pulizia: spesso per eliminare l'odore della lettiera si scelgono prodotti profumati, ma il gatto ne sarà infastidito e potrebbe scegliere per questo di fare i bisogni altrove.
Una volta che la cassetta igienica è stata lavata, è il momento di riempirla di nuovo, ma come si sceglie la giusta sabbietta per la lettiera? Anche in questo caso, preferisci prodotti non profumati, ma in grado di assorbire gli odori. Inoltre, è meglio optare per una grana media, che non crea troppa polvere e non infastidisce il micio incastrandosi nelle zampette, e agglomerante per evitare lo spargimento dei liquidi. Un ulteriore accorgimento? Per la sabbietta scegli una marca facile da reperire: il gatto potrebbe non gradire un cambiamento improvviso.

gatto lettiera

Perché il gatto sporca ancora fuori?

E se nonostante tutto questo il gatto continua a fare pipì o popò fuori dalla lettiera? Prima di tutto, accertati che non sia un problema medico: i mici soffrono spesso di cistite e potrebbero avere problemi a controllare le perdite. Una visita dal veterinario chiarirà ogni dubbio e risolverà eventuali problemi.
Appurato che il tuo gatto è sano, considera tutte le possibilità: se hai più di un micio, forse è il caso di acquistare una seconda lettiera perché non tutti i gatti sono entusiasti di condividere la loro intimità. Se invece il micio fa i bisogni fuori dalla lettiera solo quando ti assenti un po' più del solito, non prenderlo come un dispetto: si tratta infatti di una reazione nervosa alla tua lontananza. Far superare al gatto il "trauma" dell'allontanamento, in questo caso, è l'unica soluzione e sgridarlo peggiora le cose.
Hai fatto ogni cosa, ti sei accertato di tutto, ma trovi ancora "sorpresine" in giro per casa? Ecco gli ultimi trucchetti per insegnare al gatto a fare i bisogni nella lettiera:

  • - Quando trovi escrementi in luoghi indesiderati, non buttarli nella spazzatura: mettili nella lettiera in modo da favorire l'associazione nella mente del micio.
  • - Se il gatto sembra aver scelto un luogo alternativo per fare i suoi bisogni, posiziona proprio lì il cibo e l'acqua: lo scoraggerà dall'usarlo come gabinetto!


Tenendo a mente tutti questi accorgimenti, non dovrebbe essere difficile abituare il gatto alla lettiera, ma se conosci altri utili trucchetti facceli sapere!